RUOLO DELLA TERAPIA MANUALE NELLE DISFUNZIONI DELL’ ARTICOLAZIONE TEMPOROMANDIBOLARE (A.T.M).

la-sindrome-dellarticolazione-temporo-mandibolare-636x310

E’ molto comune al giorno d’oggi che le persone vivono in costante stress fisico ed emotivo. Ciò provocano malattie che colpiscono i vari aspetti della loro vita, tra cui patologie associate alla temporomandibolare o ATM, sia di origine organica o funzionale, influenzando cosi la ingestione di cibi, la respirazione, la masticazione, la parola e anche la percezione del gusto. Occasionalmente si producono contratture, dolore e infiammazione nei muscoli che compongono l’ATM a causa di stress, infezioni, disturbi del sonno come bruxismo, disfunzione strutturale o traumatica. Ogni causa sopra citata genera dolore e limitazione del movimento, colpendo il sistema articolare, muscolare, capsulare e ligamentoso, influenzando il benessere del paziente. La terapia manuale in questi disturbi è un ottimo strumento per la valutazione e il trattamento.

Molte sono le cause generatrici di disturbi dell’ATM. Le più comuni sono:

  1. Malattie congenite e di sviluppo: aplasia, ipoplasia e iperplasia
  2. Malocclusione
  3. Alterazioni anatomiche, condilari, spostamento anteriore del disco, le dislocazione del disco.
  4. Malattie metaboliche
  5. Infezioni
  6. Sublussazione del condilo
  7. Malattie neurologiche
  8. Disturbi muscolari: dolore miofasciale, miosite, spasmi, contratture
  9. Perdita dei denti
  10. Lesioni
  11. Fratture
  12. Disturbi del sonno (bruxismo)
  13. Stress, depressione
  14. Disturbi infiammatori: Capsulite e sinovite

A causa della complessa relazione biomeccanica cranio-ATM-cervicale, qualunque disfunzione temporomandibolare è sempre associata a dolore e contrattura muscolare della zona craneo cervicale.
I sintomi maggiormente riscontrati in pazienti che soffrono della patologia sono:

  1. Mal di testa
  2. Limitazione nei movimenti di apertura-chiusura, lateralità e profusione-retrusione e del collo
  3. Problemi masticare e deglutire il cibo
  4. Spasmi muscolari
  5. Vertigini
  6. Squilibrio
  7. Difficoltà a parlare
  8. Diminuzione della propriocezione
  9. Mal d’orecchi
  10. Dolore facciale

La terapia manuale agisce nelle disfunzioni dell’ATM, recuperando la funzione e la mobilità dell’ATM e della colonna cervicale, recuperare i gradi di mobilità articolare adeguati e completi in ATM, migliorare il rapporto condilo-disco, migliorare la simmetria durante il movimiento, migliorare il tono muscolare, reequilibrare e rieducare il paziente posturalmente.
Alcune raccomandazioni per evitare un malfunzionamento temporomandibolare sono:

  1. Evitare aperture molto ampie della bocca
  2. Movimenti dolorosi
  3. Trovare con il dentista una soluzione al bruxismo
  4. Stretching e esercizi di rilassamento muscolare della zona ATM
  5. Evitare posizioni scorrette del collo e della testa

Infine, ricordo che l’articolazione temporomandibolare (ATM) funziona in maniera simmetrica ed equilibrata, in caso contrario si possono verificare disturbi muscoloscheletrici, strutturali ed emotivi. Essi possono essere prevenuti o migliorati con protocolli rieducativi. Tale approccio si è evoluto nel corso degli ultimi anni, utilizzando tecniche nuove di tipo conservative, non invasive. Il protocollo include altresì una serie di esercizi di auto-mantenimento con una corretta gestione del dolore.

Dott. Enrico Vignali